giovedì, settembre 27, 2012

apple-ios-nomi

Ho sempre criticato la malevola M$ per aver dato nomi diversi alla stesse cose (vista, 7, 2008) o storpiare acronimi chiari come RAID (inespensive disk!!!!)
Ma ora sembra che apple ci si metta.
Negli i-cosi il gateway e' ribattezzato router.
CAZZO posso avere l'indirizzo del router da una parte e il gate dall'altra, posso avere mille cose diverse MA, ripeto MA il gate e' sempre il gate.
Chiamare server dei nomi il DNS non e' che fai sparire l'acronimo con una traduzione a meta'.
Non e' che quando parli dici "sindromedaimmunodeficienzaaquisita" dici AIDS

martedì, settembre 25, 2012

solar one (nevada)




ho appena visto un documentario sulla terza centrale solare del pianeta, era un po' che volevo vederla non dallo spazio.
Mi sono detto che gli americani sono fortunati ad avere tutto quel deserto piattone. Da noi, con la nostra orografia, rischia di diventare grossa il doppio e ci racconta che il solare in Italia nun se po' ffa'.
eccola confrontata con S.Pietro, meazza, e colosseo. Tutti e 3 insieme non arrivano a 1/4 di quel'enorme mostro fantastico (che fra l'altro rompe specchi piu' di una checca isterica).

Che prezzo ha il terreno se non si dispone di un deserto?

Vediamo, in lombardia una superficie cosi' pianeggiante non in ombra dalle montagne parliamo di milioni di euro contati a mo di noccioline. 600 milioni di euri? Siamo sicuri che il solare e' economico?


Quanto produce?
nel deserto ha prodotto circa 0.13TWh, un nigutino, ce ne vorrebbero 4000 per il fabbisogno elettrico italiano.



Giusto per fare un confronto fra lo spazio occupato dal solare e del nucleare (gia' compreso di servizi e ristorante mentre x il solare non li ho disegnati. Potete banalmente aumentare del 50%)



ma quanto realmente e' grande questo affare che farebbe come UNA centrale termica?
io direi di sacrificare roma, tanto fra efficienza e traffico sull'anulare radiamo tutto al suolo, colli compresi (cosa costa abbattere a zero i colli?), ed un'altro po' di roba!


innsomnma annamo fino fregggene pe fa solo 30tewatti aho' nveddi. Ao' tanto che ce sserve rroma?

Se poi riusciamo ad accumulare l'energia per la sera ricordiamoci che dobbiamo  raddoppiare l'impianto.
Evidentemente non e' una via percorribile nel nostro paese, no?

lunedì, settembre 24, 2012

ford figo






Per quanto vi possa sembrare strano il veicolo è stato presentato a New Delhi nel settembre 2009 e la cosa tragica e' in vendita anche in cina.
La Figo ha vinto più riconoscimenti di qualsiasi altra vettura nel 2010 prodotta in india.

E' figo aver la figo?
Next time la fiat "patata umida"?


martedì, settembre 18, 2012

tasse e giustizia 10/10


http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-110.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-210.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-310.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-4.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-510.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/07/tasse-e-giustizia-610.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/08/tasse-e-giustizia-710.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/08/tasse-e-giustizia-810.html
http://allarovescia.blogspot.com/2012/09/tasse-e-giustizia-910.html


Abbiamo visto precedentemente che in italia la pressione fiscale e' a livelli estremamente alti.
La cosa e' aggravata dal fatto che alcuni non pagano nulla come gli evasori totali e le coop.
Altri pagano per tutti.

Questo disequilibrio porta tanti a voler entrare nell'evasione e sono TANTI.
Prendiamo il caso dei dentisti, casta additata dai piu'. Se ad un dentista in 200 chiedono di evadere se non lo fa perdera' clienti rispetto a chi invece non permette l'inclusione nel pacchetto vacanze la voce "evasione".

Se tutti i clienti, ovvero gli stipendiati, non fossero evasori fiscali il dentista (avvocato, tubista..) non avrebbe MOLTI motivi per evadere. Perche' una cosa e' pagare un po' piu' di tasse e altro e' perdere clientela che chiede un servizio tanto illegale quanto dato per scontato.

In una situazione di dubbia legalita' fiscale e' ovvio che prendersela con i dentisti non e' molto saggio, morto un dentista se ne fa un'altro, ma bisogna intervenire dal basso: un lavoro LUNGO e DIFFICILE che INIMICA FROTTE DI VOTANTI.

Ecco perche' a prodi o monti viene l'idea di aumentare le tasse, una misura che a brevissimo incrementa il gettito ma causa maggior evasione. Fanno la figura dei salvatori.
Se poi arresano o fermano un paio di cayenne-ranzani a cortina e un paio di invidiate ferrari a milano il gioco e' chiaro.

Una patata bollente arrivera' invece al successore che si trovera' con maggiori sacche di evasione e lavoratori e aziende che emigrano all'estero.

Insomma Le tasse sono sufficienti. Anzi TROPPE come valore e TROPPE come quantita'.

Inoltre pare che come valore non siano neppure quantitativamente poche.

Qual'e allora quel dramma che stiamo vivendo?
Spese assurde. Per esempio.

Recentemente vi e' stata una sollevazione popolare contro gli stipendi dei parlamentari &c. Sono semplicemente vagiti inutili. Nel bilancio dello stato e' una goccia nel mare.
Perche' i partiti, ed in particolare gli ottenebrati dal comico, portano questa roba come bandiera?
Semplice: e' facile perche' fa leva sull'indigniazione dello sfigato che ha perso il lavoro e invidia chi porta a casa 10.000 euri al mese. Il fatto che un manager possa guadagnare quelle cifre non passa loro nella testa. ( il fatto che lo meritino per le loro qualita' e' un'altra faccenda.)
Pero' distoglie l'attenzione dal fatto che nulla di serio si sta facendo.

Gli sprechi sono milioni di soldi per l'alcoa, soldi per il sud, per la fiat, per gli operai in cassa integrazione, e' tutto urgente e impellente.

Soldi per rifare i pavimenti, per fare cose di nessuna utilita' come portare la tarantella in cina (800.000E) o pagare 5.000.000 annui alla squadra di calcio locale in B.

Soldi del pentimento: dopo aver aumentato le tasse sulla benzina ecco che si regalano MILIARDI di euro in carburante a tutti quelli che rompono le scatole come i pescatori (30 milioni di euro cash e sconto del 20% che equivalgono, stando a federcoopesca, 30.000E a peschereccio ovvero spannometricamente ad altri 0.6miliardi di euro). Per non parlare di posti barca gratis, acqua e spesso luce e altro.
E' meglio non sapere cosa danno ad autotrasportatori,nei comuni di confine, agricoltori, vaccari e affini.

Soldi per pagare le cure ospedaliere e gli asili (vero bindona?) agli extra NON presenti in italia ma fisicamente qui: cosa che sembra caritatevole ma e' una vera mazzata.

Alla fine sfuggono fra mille rivoli, pentimenti e aiuti a tutti. Prima li si mena e poi li si accarezza.

Un po' come sparare a caso fra la folla ma cercare di salvare qualcuno portando cure a casaccio fra quelli feriti e sani e anche a chi non dovrebbe essere li.

Questo porta lavoro a solo 2 categorie: gli inutili ragionieri e i saprofiti della PA.
Gli altri sono impegnati a superare come ostacoli su un percorso di guerra, tutte quelle normille, spesine, indetrazioni e blocchi delle assunzioni. Perche' mettere delle norme che ti tassano se hai dipendenti vuol dire che ti scoraggiano ad assumere e anziche' ingrandire la tua attivita' preferisci ridurre al minimo.

Non organizzare il futuro ingrandendosi vuol dire che il primo straniero che arriva con un prodotto/servizio simile ma piu' moderno ti fa chiudere.

Questo, sommato ai costi energetici e al fattore china, causa una contrazione del PIL e di conseguenza delle tasse.

la conseguenza ovvia sarebbe che lo stato contraesse di conseguenza le spese ma invece le aumenta spendendo per gli extracomunitari (poverini!) e non per impostare corsi per disoccupati (come in molti stati), li spende per il calcio e non per sostenere il lavoro.

Cosi' facendo lo stato ha fame e blatera sull'evasione fatta dagli operai indicando gli imprenditori (che non sono ne piu' santi ne piu' puttane dell'italiano medio) come malessere.

Ma lo stato dovrebbe arrivarci che non e' piu' negli anni 80, siamo in recessione NON PUO' PIU' SPENDERE LA STESSA CIFRA, e forse dovrebbe cominciare a capire perch'e PUR spendendo cosi' tanti soldi abbiamo
strade buche, autostrade con limiti ridicoli (60...),
poste ridicole,
nessun appoggio serio per l'export,
diminuzione dei parcheggi,
trasporti effimeri,
lungaggini buRRocratiche,
impiegati impreparati dalle scuole (COMPIUTER, SI MANCIA?!, inglese, mica devo saperlo?)
impiegati nella PA sgarbati e ignoranti,
un'infinita' di enti che non sai mai a chi rivolgerti,
vigili che non vigilano ma multano,
eccetera.

E' necessario un riformone dello stato, che evidentemente nessuno si sente di fare poiche' e' poLLiticamente un suicidio, in cui si da la priorita' ai migliori e ai miglioramenti.
Necessario poiche' ci sono tutti gli ingredienti per un pesante default se la spesa non scende, e di tanto.

Il problema che non abbiamo nessuno che vuole rischiare e montipirla non e' che un'altro poLLoitico che cerca di farsi rieleggere fregandosene dell'italia. Tanto vale mettere li un qualsiasi eletto.

martedì, settembre 11, 2012

Alcoa: che palle!


È più di una settimana che ascolto decine e decine di ore di tv e radio ovunque io vada in auto o a casa di amici sulla vertenza di quelle operai sardi che stanno per essere defenestrati allegramente.

Sembra che mezzo mondo della politica o dei giornali abbia un'opinione pronta sul perché il per come e soprattutto sul fatto che per qualche motivo non bene identificato costoro non dovrebbero essere licenziati.

I grandi fetenti dei sindacati dicono che ci sono speranze, di quale tipo non è molto chiaro.
I giornalisti pompano come se fosse un'ingiustizia di questo licenziamento.
Le televisioni inquadrano dei poveri disgraziati che pensano di fare la cosa giusta a manifestare contro un'azienda che non c'entra assolutamente niente.
Parrebbe che la soluzione possa venire dall'azienda stessa, dallo stato, da altre aziende non ben identificate e a questo punto sicuramente dei marziani.

Tutte BALLE!

La realtà è molto più semplice tutte queste persone hanno deciso di essere licenziate scrivendo di proprio pugno la richiesta di chiusura dell'azienda.

Qualsiasi intervento da parte dello Stato calmerebbe le cose solo per pochi anni salvo che nel frattempo intervengano fattori.

Innanzi a tutto vediamo chi e' alcoa

Alcoa è leader mondiale nella produzione di alluminio primario e semilavorato e il più grande estrattore di bauxite e raffinatore di alumina. Oltre ad aver inventato la moderna industria dell’alluminio, la capacità d’innovazione di Alcoa è alla base delle principali conquiste nei mercati aerospaziali, automobilistico, imballaggio, edilizia e costruzioni, logistica, elettronica di consumo e industriale degli ultimi 120 anni


Insomma questa gente prende il minerale, la bauxite, e lo trasforma nei lingotti di alluminio che tutti vanno ad utilizzare compreso il loro stesso impianto che hanno nel Veneto il quale trasforma i panetti in forme più utilizzabili.

Questa trasformazione primaria è una delle industrie più energivore del mondo tanto che inizialmente venivano costruite a ridosso delle grandi centrali idroelettriche e rimane famosa quella sulle cascate del Niagara.

Per questo motivo la presidenza di questa azienda aveva più volte rilasciato delle interviste nelle quali molti anni fa parlavano di un fatto importante: se in Italia non fosse sceso il prezzo dell'energia elettrica avrebbero probabilmente dovuto chiudere.

Mi ricordo perfettamente di questa intervista, e mi ricordo perfettamente che era detta in maniera chiara, esplicita e senza rancore. Se aumentano i prezzi dell'elettricità siamo costretti a chiudere. No moneta, no cammello.

Dopo che gli italiani hanno deciso in massa di avere fonti energetiche più costose in maniera da far chiudere alcune aziende, e alcune sono già state delocalizzate, ora scoppia questo bubbone che era in pressione da tanto tempo.
All'inizio dell'anno questa azienda ci fa sapere che nonostante abbia aspettato fino adesso è stufa di non guadagnare, ricordiamo che scopo primo di qualsiasi azienda e di qualsiasi lavoratore e' il guadagno.

10 gennaio 2012

Portovesme è tra gli stabilimenti del gruppo Alcoa con i maggiori costi di produzione. Una fornitura energetica non competitiva, combinata con l'aumento dei costi delle materie prime ed il calo dei prezzi dell'alluminio, ha portato al piano di chiusura della struttura


Quindi nulla di nuovo sotto il sole: gli italiani hanno votato per licenziare queste persone, queste persone vengono licenziate.
Ma la cosa più assurda è che le stesse persone che vengono licenziate sono le stesse che hanno votato per essere licenziate.

Nel referendum fatto nel 2011 vi era una voce che diceva sostanzialmente se si voleva licenziare i dipendenti dell'alcoa o meno e nel comune di Carbonia i risultati sono stati questi:
su 25.000 elettori il 61% ha deciso di votare e i votanti hanno sostanzialmente fa un plebiscito con il 98,5% dei voti a favore del licenziamento.

ricapitolando: tutti gli operai dell'alcoa che sono andati a votare, i loro familiari, i loro vicini di casa, i loro concittadini e persino la loro moglie hanno tutti votato perché venissero licenziati.

La cosa più divertente è che si sta facendo un caso del licenziamento di questi operai inquadrandoli anche in situazioni da disperati ma senza dare informazioni reali. Non è chiaro ad esempio quante operaie siano poiché stando ad alcuni giornali sono 600, 1000, altre volte 150 e siccome la virtù sta nel mezzo anche 450.

Nessuna fonte di informazione ha spiegato che il prezzo dell'energia elettrica in Italia e a livelli stellari e che nessuna azienda che sia sana di mente, salvo regalargli sacchetti di monete, rileverà lo stabilimento.

Nessuno ha fatto notare che alcoa era semplicemente in attesa da anni di una diminuzione dal prezzo dell'energia ed è stato ad aspettare fino a quando è stato chiaro che per alimentare dei pezzi di carbone in Sardegna bisogna comprare l'energia dalla Francia.

Nessuno ha fatto notare che i lavoratori si sono suicidate votando contro il proprio interesse seguendo le indicazioni dei sindacati che perseguiva nella realtà il proprio tornaconto.

Nessuno ha fatto notare che sono solo 600 persone quando in molti altri settori migliaia di persone si trovano esattamente la stessa identica situazione, non sempre per lo stesso motivo.

Nessuno ha fatto notare che non esiste una politica per incentivare l'industria come un miglioramento dei trasporti o altro.


Sostanzialmente dovremo aspettarci anche da questo un aumento delle tasse.

Il giornalismo non esiste più, le notizie è meglio non darle ma mettere faccioni tristi di chi non potrà più ricevere uno stipendio come unica motivazione di un licenziamento.

Mi dispiace per loro ma in realta' e una semplice conseguenza nel voler continuare a bruciare petrolio.
Il resto e' noia.

lunedì, settembre 10, 2012

tasse e giustizia 9/10

Abbiamo visto che tutti debbono pagare enormi quantita' di tasse in Italia, tante sia in senso assoluto (che e' questionabile), tante anche in senso relativo a stati che non siano del terzo mondo.
Sul fatto che la propria categoria sia troppo tassata sono tutti d'accordo.

Sono tutti abbastanza d'accordo sul fatto che in Italia esiste molta evasione.
Alcuni, tipicamente gli imprenditori, ammettono ufficiosamente di fare il nero giustificandosi, come per una marachella, con il fatto di esser obbligati per un paio di ragioni non del tutto condannabili.
Altri, tipicamente gli impiegati, sono convinti di esser santi e la loro evasione e' santa e quindi senza peccato.
Malversare l'iva per loro deve diventare da galera se uno si chiama Berluscau ma diventare nulla se a farlo e' Cipputi.

Insomma la maggior parte degli operai è convinta che se evadono al momento di pagare l'imbianchino questa cosa gli è dovuta perché le tasse sono troppe. Visto che la legge uguale per tutti non capisco perché si adirino tanto quando la stessa cosa la fanno altre entità.

Quindi anche per l'operaio le tasse sono troppe. Ed evade.

Se le tasse sono troppe e i servizi sono praticamente nulli come più volte dimostrato anche su questo blog qualcosa non funziona. Paghiamo le tasse come in quegli Stati dove il pubblico ci manca poco che venga casa nostra a pulirci i vetri ma ci ritroviamo in una situazione nella quale non sono neanche garantiti i servizi minimi come ad esempio la richiesta di poter pagare le tasse (aprire un'attività) rapidamente può avere una rete stradale in evoluzione.

L'errore forse proviene dai lontani anni 60 miscelato con un condimento esplosivo che si chiama sud d'Italia.
Negli anni 60 si definirono nuove parole e nuovi assetti nella società attraverso una serie anche giusta di lotte. Nel contempo sotto forti pressioni dell'area sovietica molti pensavano che sarebbe stato giusto uno stato padrone di tutto. Tutto questo generò uno stato schizofrenico che da un lato era apparentemente in libera economia e dall'altro desideroso di prendere possesso dell'industria con il risultato di uccidere regolarmente tutte le aziende di cui prendeva il controllo o in alternativa generale dei buchi neri che richiedevano sempre più soldi. Uno dei capisaldi di questa strage fu un certo Prodi.
A questo si aggiunge un certo modo di fare tipico del sud Italia che veniva importato insieme alle sue genti in tutto lo stivale, qual modo levantino che è tutto tranne quello che serve a una nazione industriale come avrebbe voluto essere l'Italia.

Infine nacque la cassa del mezzogiorno (dopo la chiusura si accorsero che nonostante 300 BILIONI di euro spesi ne doveva ancora 7 in debiti) , e tutte le opere derivate o simili che ancora oggi esistono le fanno piovere soldi in quelle zone.

Già solo questa singola spesa fa pensare. Si tratta di cifre che non vengono fuori dal cielo come la biblica manna ma derivano da un incremento delle nostre tasse. Con questo non voglio sminuire i meridionali o la questione meridionale, non è questa la sede. Dico solamente che come per questa spesa incredibilmente ingente si è operato nella stessa maniera per migliaia di altri casi se non milioni.

Qualunque cosa succeda nel nostro paese se qualcuno urla abbastanza forte riesce generalmente a farsi dare veramente tanti soldi. La cosa importante è che sia qualcuno già introdotto in qualche modo nell'organismo statale e come una zecca beve un sacco di sangue.
Sembra sempre che lo Stato possegga una quantità infinita di soldi e i vari sindacati, amministratori locali, entità statali e i sindaci siano sempre accontentati basta che piangano un po' e facciano o dicano qualcosa che faccia pena.

per esempio il sindaco di Roma riuscì a farsi dare diversi milioni di euro per una presunta emergenza traffico. Non solo a tutt'oggi Roma non ha risolto assolutamente nulla ma non si capisce dove siano finiti quei soldi. Pero' so che hanno speso milioni per comprare divise degne di una sfilata (visto il costo annuale).

La regione sicilia per il suo palzzo assume altri 30 camminatori per spostare le pratiche da un ufficio all'altro. Ora sia chiaro che e' difficile spostare un foglio da un ufficio all'altro, i servizi di posta (poiche' si tratta di questo: la posta interna). Pare che ne abbiano 3000 nella regione. MA allora cose dovrebbe fare la Lombardia con il doppio degli abitanti, il quadruplo dei comuni, molte piu' aziende &c? Dovrebbe avere un plotone di camminatori che marciano ininterrottamente?
Chi paga questa roba? Chi paga le tasse!

Quando ci sono quelle casse integrazioni a vita che tanto piacciono ai sindacati che dovrebbero aiutare CHI LAVORA. Perche' una ragazza dovrebbe cercare lavoro se prende il 70% dello stipendio dopo 6 anni? Dipinge e sguazza con il suo fireball. Come MIGLIAIA di cassaintegrati della FIAT che non si trovano neppure piu' in piemonte.
Chi paga questa roba? Chi paga le tasse!

La coop non paga le tasse per legge.
Quella ENORME cifra chi la paga? chi paga le tasse.

Tempo fa leggevo che alcune regioni (sicilia calabria e altro) spendevano pro-capite piu' della media nazionale. In alcuni casi molto di piu'. Nonostante cio' il risultato e' cosi' di eccellenza che nella mia citta' del nord si assiste alla trasumanza da malati: arrivano dal sud si fanno operare e tornano per il controllo. A migliaia. e non e' una citta' grande.
Chi paga questa roba? Chi paga le tasse!

I buchi della regione sicilia, certificati 5 miliardi di euro solo per lei e solo per questo anno, non ancora completamente scoperti (si parla di 20 miliardi di euro) da chi sarano pagati? da chi paga le tasse! Parliamo che solo di forestali ne hanno 37.000 a vario titolo contro i 500 del piemonte. Se il piemonte e' meno esteso OK ma parliamo sempre di quel milioncino di euro l'anno...
Chi paga questa roba? Chi paga le tasse!

Prima che qualcuno mi dia dell'anti-qualcosa o peggio e' necessario capire che queste cose esistono in tutt'italia ma stando ai numeri, non a idee piu' o meno malsane, raggiungono eccellenza nel sud italia.
Sono solo NUMERI.

Quando si fa finta di nulla e se si assumono per scherzo 37.000 (una citta') persone non stiamo palando del sindaco che assume il cugino balordo come usciere per fargli un favore stiamo parlando del disprezzo per lo stato. A quel punto, se si disprezza cosi' tanto l'Italia che se ne vadano.
Forse ' il motivo per il quale una bizzarria come la lega lombarda ha riscosso cosi' tanto successo ed e' stata votata anche dai meridionali che su al nord avevan fatto carriera e si erano integrati.

Comunque non solo a Sud ci sono problemi, ho preso quelli piu' eclatanti per sottolineare una cosa: I soldi sembrano sempre quelli degli altri.

Quando qualcuno, come un noto partito, perora la causa di fornire assistenza gratuita agli extra comunitari: sembra una gran bella cosa.
Peccato che costi: mai nessuno di costoro ha mai detto che fare cio' influisce sul netto in busta paga.
Non che non si debba fare, ma e' GIUSTO far notare che una cosa compassionevole porta con se delle conseguenze come spostare in avanti di 13 mesi le operazioni non urgenti dei residenti e aumentare le tasse. Oppure, per chi puo' permetterselo, rendere a pagamento l'operazione "gratuita".

martedì, settembre 04, 2012

macchianera AGAIN!

Macchianera, non so sinceramente il motivo, e' nel Quore di molte persone e quindi pretende di essere l'ago della bilancia.
E tanti ci credono.
Tutti gli anni fa una "votazione" obbligatoria.
Come funziona l'imbroglio?
Semplice devi dare un parere su tutto, anche quello che non capisci: sembra il referendum sul nucleare!
Cosi' io potrei votare per il Miglior sito Tecnico - Divulgativo, dopotutto ne leggo almeno un paio di quelli e sicuramente so che non darei MAI il voto alla demenzialita' di fUcus .
Ma macchianera e' furbetta ti obbliga a votare demenzialita' come tweeter o il miglior blog televisivo.
E se non seguo i tweet?
e se non leggo porno? (Miglior sito o blog erotico)
Dopotutto ho una vita, macchianera invece li ha letti tutti?

Macchianera sta di fatto compiendo un grossolano errore di misurazione aggiungendo rumore non casuale (i click a caso a manina non sono assolutamente a caso) di una grandezza almeno uguale a quella misurata.
quindi dal punto di vista della misurazione assolutamente inutile!



Da qui la domanda:

Perche'?

Semplice: Se vincesse Peppino Sconosciuti per 6 voti a 4 si evincerebbe che a nessuno frega che macchianera faccia una classifica con un tale che si chiama vendomerda.
Cosi' invece abbiamo migliaia di voti per tutte le categorie e il conconcorso sembra importante e macchianera importante. Un circolo vizioso che si autoalimenta e pompa a manetta.

Il fatto stesso che repubblica l'altro anno precedente abbia avuto quasi 4000 preferenze per il Miglior blog o testata giornalistica online (2do posto) la dice chiara.
O il lettore di macchianera non sa leggere o clicca a caso... che e' poi la stessa cosa.

La votazione e' fatta con Gdocs, mica devi saper usare internet per fare il figo su internet, no?
Pero' nonostante cio' sarebbe bastato per ogni categoria mettere un
"non voto, non conosco bene la categoria" fra le preferenze.

Sai come dopo possono fare i fighi se il vincitore anziche' 3000 e rotti voti, che qualsiasi marchetingaro vi puo' spiegare e' una votazione praticamente casuale, vince con 300 un'altro.

Si scoprirebbe quello che e': se non fosse per il pompaggio mediatico che riesce a fare e' un blog vuoto.

Benvenuto errore di valutazione.
Benvenuta ignoranza.





EDIT
Da qualche giorno sul bloghettino e' apparso il seguente messaggio:

La prima è che – ascoltando le proteste di chi sosteneva che votare obbligatoriamente per 40 categorie fosse
a)
faticoso e
b)
inquinasse il risultato finale con voti a caso dati tanto per arrivare a fine scheda
– abbiamo deciso di tentare un esperimento e un compromesso: perché la vostra scheda sia ritenuta valida dovrete votare per almeno il 50% delle categorie


Vediamo un po'
sul punto a) del faticoso e' certamente vero MA dando comunque un obbligo ai VOSTRI lettori non e' certo che li facilitate. Facilitarli e' togliere beghe, per i lettori, inutili.

Sul punto b) vuol dire ridurre il rumore: Se parlano in 100 e non capite nulla non e' che se parlano in 50 voi riuscite a capirci qualcosa.
Per essere CERTI di capire si parla uno per volta: ovvero si vota solo quello che si sa.

In piu' vi e' la menata del contare a manina le 20 categorie con conseguenti errori.

Ma questa roba del 50% certifica definitivamente che la votazione e' una menata per RICEVERE TANTI voti verso macchianera e non verso gli eleggibili che ovviamente valgono come il famoso 2 di picche.

L'unica cosa seria sarebbe stata azzerare e ripartire con la singola scelta.
Questa opzione, tenere in carico migliaia di voti ufo e continuare a chiedere almeno 20 voti, e' un'evidenza di cui sopra.

Se notate e' una strategia simile a coloro i quali hanno trasformato un referendum tecnico in poLLitico facendo credere che si era obbligati a votarli tutti e 4. Quando specificavi al peones che avrebbe potuto votarne anche solo uno e non necessariamente "SI" ti guardavano con aria "ma davvero?"

Benvenuta furbitudine.