giovedì, maggio 29, 2008

Interceptor FF




Spesso esistono degli adepti che ci informano ce la loro auto e' meglio per una serie di ragioni bislacche fra le quali: le migliori sono sempre state le italiane, le auto usa han sempre fatto pena o gli inglesi ha sempre fatto cancelli. Al massimo sappiamo citare quella Ferrari che causando tanto sdegno al sig. Ferruccio lo spinse a costruire auto, le lambo, con un certo successo.

Apriamo gli orizzonti.

Nel 1968 venne presentata la Interceptor FF, che vedete in foto, dotata di trazione integrale permanente con differenziale centrale Ferguson e un ABS meccanico!!!!
A queste cose "gli altri" ci arriveranno solo negli anni 90.
Se anche la linea non sembra vecchia di 40 anni e' perche' e' una vettura attuale ancora oggi.


La fiat era alla 125, alla 850.
La AUDI, la piu' amata dagli italiani, non esisteva ancora. E se proprio.... l'auto-union 75 non era questa gran bellezza.
Vogliamo parlare del maggiolone?
La Peugeot se la cavava un po meglio
e della Citroën abbiamo gia' fantasticamente parlato della sua dea.

martedì, maggio 27, 2008

auto





Il mercato automobilistico ha avuto un'evoluzione molto strana in tempi recenti.

Se si parte dalle carrozze senza cavalli si può notare un' evoluzione costante all'interno di direttive chiare semplici ed efficaci.

inizialmente si ereditano ruote dimensioni e altezze dal suolo dalla carrozza. Poi si scopre che alle velocità permesse dai motori, forse come picco inferiori a quelle dei cavalli ma costanti, l'altezza è esagerata le ruote in legno inadatte i freni in cuoio ridicoli la posizione di guida pazzesca.

Così al volgere di pochi decenni, complice anche un miglioramento delle strade, si arriva a qualcosa che si può chiamare automobile. I costruttori si lanciano nella rincorsa delle prestazioni, come qualsiasi altra attività umana.


Si arriva agli anni 30 dove potenze enormi la fanno da padrona e lo studio ingegneristico realizza qualcosa che si pone come via di mezzo fra un'automobile moderna e la vecchia carrozza.

è il culmine dell'importanza dei motori dopo un inizio molto difficoltoso, infatti, i propulsori hanno avuto sempre più cavalli che sono culminati nelle enormi autovetture dell' Isotta Fraschini e similari.
ilTipo 8A è del1924 e possedeva motori che arrivavano a ben 160 cavalli!

questa corsa alla potenza successivamente si fermerà perché gli sviluppi del telaio e della motoristica hanno fatto capire l'inutilità della semplice potenza in favore di una guidabilità ed una risposta ai comandi migliore.

L'altezza scende ancora, grazie anche a strade migliori.

Arriva l'epoca delle auto moderne: maneggevole,veloci, prestanti, comode e sicure come la Citroen SM ancora oggi un capolavoro.



O quasi....
Perche' poi e' arrivata la moda.

lunedì, maggio 26, 2008

neuroni in pappa




-------------------------------
tracce di droghe nell’aria di Roma. Un gruppo di ricerca dell'Istituto sull'inquinamento atmosferico (Iia) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, guidato dal dr. Angelo Cecinato, ha messo in evidenza, per la prima volta nel mondo, la presenza di cocaina nel particolato

Per ogni 1000 giovani adulti della zona si consumerebbero ogni giorno almeno 27 dosi di cocaina


Milano, 3 agosto 2005 istituto negri:

La cannabis risulta essere la sostanza più utilizzata a Milano 24 dosi al giorno per 1000 abitanti, eroina 3 dosi cocaina 9.1 dosi. Le anfetamine risultano essere le sostanze meno utilizzate in 0,1 dosi

------------------------------------------------


Ora, visto che un drogato non consuma tutti i giorni, esistono i drogati del WE, ed al fatto che NON tutte le sostanze sono state radiografate si puo' ragionevolmente supporre la presenza di almeno il 6% dei drogati nelle aree metropolitane italiane.
Uno su 15 fa piu' impressione...


Ora, con tutti questi stonati in circolazione vogliamo ancora raccontarci la favola bella che la velocita' sia l'unica causa degli incidenti stradali e la violenza derivi solo dalla fatina cattiva?


Non e' giusto criminalizzare i DROGATI, parola forte e political incorrect, ma neppure dare ad una persona con il cervello in pappa la patente o la possibilita' di trovarsi in un posto da dove sia responsabile per altri.

Non poverini, ma poveri noi!





Per gli amanti del link:
1. Zuccato E, Chiabrando C, Castiglioni S, Calamari D, Bagnati R, Schiarea S, Fanelli R.
Cocaine in surface water: a new evidence-based tool to monitor community drug abuse. Environmental Health 2005, 4:14 (http://www.ehjournal.net/ 2005).

2. Castiglioni S, Zuccato E, Crisci E, Chiabrando C, Fanelli R, Bagnati R.
Identification and measurement of illicit drugs and their metabolites in urban wastewater by liquid chromatography - tandem mass spectrometry.
Analytical Chemistry 2006(http://pubs.acs.org/)
http://www.washingtonpost.com/

Per ulteriori informazioni:
Dr. Sara Castiglioni castiglioniATmarionegri.it 02 39014499
Dr. Roberto Fanelli fanelliATmarionegri.it 02 39014498
Dr. Ettore Zuccato zuccatoATmarionegri.it 02 39014544

sabato, maggio 24, 2008

audi 80

Cercando di vendere un'auto pressoche' perfetta mi sono sentito fare delle offerte INFERIORI AL COSTO DELLE GOMME MONTATE!!

Ma non vi era aria di crisi?

Non esistevano ecologisti?


Forse sono io che non comprendo: ridurre in un cubo di acciaio e plastica un'autovettura per riplasmarla non e' assurdo se perfettamente funzionante, stracolma di optional, ed esteticamente NON consunta?

in Romania vale 2000 euro in Italia 0.

Boh!
valli a capire.



PS
Se qualcuno desidera appropiarsi del mio mezzo di trasporto.... il prezzo e' modico

martedì, maggio 20, 2008

INDOVINELLO Hi-Tech


Secondo alcune statistiche il 100% degli italiani, neonati compresi, ne possiede uno.
Questo e' TUTTO l'oggetto.

Adesso mi aspetto, visti i precedenti, che indoviniate in un nanosecondo.

Aggiunte:
ad oggi, statistiche pubblicate stasera, pare che il 150% degli italiani, neonati e 90tenni compresi, ne possegga uno. Vorrebbe dire che essendo l'extracomunitario un mercato d'interesse ci sono almeno 30milioni di extra in italia.

Crittografia

Memorie

identificazione

lunedì, maggio 19, 2008

GSM

Quando sento parlare , o leggere come in un grande centro (come andarsela a cercare comprando li', vero?) di trial band immagino di assistere ad un telefono molto rumoroso gettato nel fango e cavalcato da mini piloti.

Oppure degli ignoranti che dopo aver pontificato con un sacco di parolacce pseudotecniche sulle qualita' del loro orribile htc escono con l'affermazione "c'e' segnale: posso telefonare.".

Peccato che se escludiamo l' UMTS dovremmo essere abituati ai cellulari, esistono, i gsm, dal 1992 in Italia.


Testo preso da
John Scourias University of Waterloo JscouriasATneumann.uwaterloo.ca
e arrangiato da Marco Valerio, iw2fpo e iw2jtd.

Pubblicato in packet radio nel 1993. parte prima

Se vi e' piaciuta provo il recupero del nastro successivo.
------------------------------------------------------------------

INTRODUZIONE

Il sistema GSM e' stato attivato ufficialmente in Italia nel'ottobre 1992, gli apparati sono Ericsson, Siemens, Italtel. (Omnitel usa Nokia e Motorola)

Il GSM e' un sistema cellulare' 'digitale'; alcuni dei vantaggi del GSM sono:
- possibilita' di effettuare e ricevere chiamate all'estero dove il
sistema e' attivo
- Segretezza delle informazioni (non e' possibili ascoltare le chiamate)
- Trasmissione dati
- Il numero abbonato e altri numeri per l'identificazione non risiedono
nel telefono come nel tacs, bensi' in una carta chiamata SIM
(Subscriber Identity Module)
- migliore qualita' della conversazione (ricostruzione dati persi)
- capacita' di traffico molto piu' ampie di quelle tacs
- molti servizi aggiuntivi

Gli svantaggi sono dovuti alla gestione del sistema che e' molto piu' complessa di quella tacs, problemi di interferenza dovuti alla ripetizione dei cluster (gruppi di frequenze che identificano una serie di celle), poche frequenze disponibili, problemi ancora tra apparati di case costruttrici diverse, l'area di copertura di una cella ridotta al massimo a 35 chilometri, ecc.

Struttura fisica del sistema mooolto riassunta e' la seguente:

MSC (Mobile Services Switching Centre)
|
+-------+-------+
| |
BSC BSC (Base Station Controller)
| |
+-------+-------+ +-------+
| | | | |
BTS BTS BTS BTS BTS (Base Transceiver Station)


Diverse radio basi (BTS) sono collegate ad un unico BSC che ha il compito di gestire handover, power control ed altre funzioni; diversi BSC sono collegati ad un unico MSC che gestisce, tra le altre, il collegamento tra la rete GSM e la rete pubblica.
MSC e' collegato a database che gestiscono le informazioni degli abbonati che 'entrano nell'area' (VLR Visitor Location Register) o che si sono registrati nell'area (HLR Home.... che contiene inoltre informazioni relative all'abbonamento)
Un telefono (MS) che si sposta in comunicazione tra un'area di copertura ed un'altra effettua un 'handover', il livello dell'handover puo' essere tra due BTS dello stesso BSC o tra due con BSC diverse, o tra due MSC; in quest'ultimo caso esistono ancora problemi (cadute).

A Livello logico una serie di radio basi vengono raggruppate sotto un'unica area chiamata LA (Location Area). Ogni singola cella ha un nome univoco in tutto il sistema GSM esistente; la cella si identifica attraverso il CGI (Cell Global Identity) che contiene l'identificativo della nazione, rete, LA e numero cella. In ogni istante si conosce la posizione di ogni telefono presente sulla rete; il telefono in fase di accensione e di spegnimento si registra nella rete (vedremo poi come).

alcuni fra i termini tecnici piu' ricorrenti:

-idle telefono acceso in 'ascolto'
-dedicated telefono in conversazione
-assignment occupazione del canale voce, inizio conversazione
-handover passaggio tra due BTS in fase di conversazione
-release rilascio di una conversazione
-location upd. in fase di accensione vengono inviate informazioni alla rete
relative all'abbonamento ecc.
-power control la BTS dice al MS con quale potenza deve accedere nella sua
area di copertura, questo limita il consumo delle batterie
e crea minori interferenze
-SMS short msg sono messaggi che gli utenti si possono scambiare senza
attivare la conversazione
-freq. hopping e' la possibilita' di 'saltare' da un canale all'altro
all'interno di una singola cella

DATI TECNICI

Il sistema GSM e' un sistema cellulare, cioe' logicamente suddiviso in celle;
di solito una cella e' composta da tre gruppi antenne messi 120 gradi l'uno dall'altro (3 BTS), ogni antenna e' composta da 2 RX che sono le piu' esterne per il diversity e una centrale TX (2 se esiste anche il tacs sullo stesso traliccio). Una serie di celle che contengano tutte le frequenze disponibili formano un cluster; i cluster si ripetono, per cui le frequenze vengono ripetute su tutto il territorio. Ogni singola BTS puo' trasmettere su piu' frequenze (vedremo in seguito)

Ogni frequenza GSM ha una larghezza di banda di 200 KHz suddivisa logicamente in 8 parti, cioe' e' in grado di gestire 8 conversazioni contemporaneamente. La larghezza di banda viene sfruttata per trasmettere delle informazioni in pacchetti (frame), ogni frame contiene informazioni relative alle 8 call. La frame di base cioe' quella piu' piccola si
chiama burst, e' composta da 142 bit + 14.25 bit di inizio/fine per un totale di 156.25 bits. La durata di ogni singola frame e' di 0.577 ms.
Esistono vari tipi di burst, di correzione, di sincronizzazione, di accesso ecc; 51 burst formano frame di 235 msec che e' la configurazione standard; frame dello stesso tipo vengono raggruppate per creare le informazioni che circolano in ogni singolo canale logico del GSM.

51 burst formano una multiframe
26 multiframe formano una superframe
2048 superframe formano una hyperframe

890-915 MHz range usato da MS per Tx
935-960 MHz range usato da MS per Rx
numero di frequenze : 124
numero di call = 124*8

Ogni singolo burst o frame viene chiamato TDMA burst o frame, questo perche'
contiene informazioni relative alle 8 call suddivise per divisione di
tempo (TDMA Time Division Multiple Access)

In ogni stato del telefono (idle, dedicated ecc), il MS sa che tipo di
informazioni andare a prendere dalle frames generali; queste informazioni
relative ad un singolo stato del MS vengono raggruppate sottoforma di
canali GSM.

--Esistono canali di traffico (TCH)

--Esistono canali di controllo (BCCH Broadcast Control Channel)
SCH = Sync channel
BCCH = broadcast, informazioni generali sulla BTS

--Esistono canali di controllo comune (CCCH)
PCH = paging channel
RACH = random access channel, usato per richiedere accesso
AGCH = Access Grant..., usato per accedere all'SDDCH

--Esistono canali di controllo dedicati (DCCH)
SDCCH = Stand Alone Ded. Control Channel, usato durante una call setup
SACCH = Slow Associated ... (misure inviate dal telefono)
FACCH = Fast Associated ... usato per alte velocita'

La BTS invia al telefono il ritardo o l'anticipo con cui puo' accedere alle informazioni che circolano nelle frame (TA Time Advance)
Il TA va da 1 a 63 che corrisponde a circa 35 Km di distanza dalla BTS; (nota: e' questo il motivo per cui anche se vi e' segnale non potete chiamare!)
ogni valore indica i bit di ritardo con cui il MS deve accedere alla frame.
In centrale esiste un parametro collegato al TA che se modificato limita
la dimensione della cella; e' il valore massimo a cui TA puo' arrivare
raggiunto il limite viene richiesto un handover incondizionato al telefono.


Nella parte 1 abbiamo visto in maniera molto semplice come e' strutturato il sistema GSM, come viene utilizzata la larghezza di banda (8 divisioni di tempo pari a 8 conversazioni) e un elenco dei canali logici (non tutti) utilizzati dal sistema.

Entrando in particolare chiameremo le 8 divisioni di tempo TIMESLOT abbr.TS

Abbiamo inoltre visto che col range di frequenze 900 MHz disponibili otteniamo 124 frequenze utilizzate dal sistema; ogni frequenza ha 8 TS per cui 124*8 chiamate effettuabili contemporaneamente (in realta' sono meno)
Ogni radio base, che chiamiamo BTS e' una cella, un sito e' invece composto
da 2 o 3 BTS; per essere chiari: quando si vedono in giro tralicci con 3 gruppi di 3 o 4 antenne direttive, quello e' un sito composto da 3 radio basi o BTS e la copertura e' pari a 3 celle. A volte si identifica col nome cella l'insieme delle 3 celle formate da un sito.

Ogni BTS ha la possibilita' di gestire piu' di una frequenza chiamate portanti, TI ne ha almeno 2 per radio base, in Grecia ne hanno anche 6 per radio base; se ampliamo il discorso a molti altri siti, si puo' capire
quale lavoro di pianificazione di copertura e di assegnamento di frequenze
esista dietro il sistema cellulare GSM.
Se poi si riscontrano interferenze e, quindi, la variazione di alcune
frequenze in uno o piu' siti, si devono ripianificare tutte le frequenze
dei cluster adiacenti.


ESEMPIO: ipotizziamo una BTS con 2 portanti
portante 1 : 8 timeslot (da 0 a 7) 0 1 2 3 4 5 6 7 detta portante BCCH
portante 2 : 8 timeslot (da 0 a 7) 0 1 2 3 4 5 6 7 detta 1 portante TCH
portante 3 : 8 timeslot (da 0 a 7) 0 1 2 3 4 5 6 7 detta 2 portante TCH


In teoria la BTS in questione puo' gestire 24 conversazioni contemporaneamente
in realta' gestisce 22 conversazioni perche' il TS 0 della portante BCCH
e' dedicato al canale di controllo BCCH, il TS 1 della portante BCCH e'
dedicato al canale SDCCH.

Vediamo i 5 (a mio avviso) canali piu' significativi del sistema GSM:
-BCCH
Canale di controllo sempre presente in idle mode; porta informazioni
relative alla cella servente ed alle celle adiacenti: CGI (identificativo
cella), TXPWR potenza che deve avere il telefono per accedere alla cella,
DTX se trasmissione discontinua attiva ed altre info minori
-PCH
Canale di paging, riporta tutti i telefoni che stanno ricevendo chiamate,
se il telefono si accorge di essere presente nella lista si attiva la
procedura di paging
-SDCCH
Autentificazioni e registrazioni dei vari telefoni
-TCH
Canale di traffico che trasporta tra le altre le informazioni della
conversazione cioe' le parole crittografate
-SACCH
Canale per scambio messaggi, misure di campo, Time Advance ecc


DESCRIZIONE CONCETTI GENERALI

Le varie procedure verranno descritte successivamente.


-ROAMING (solo in idle mode)
Quando un telefono (MS) si sposta da una cella a cui e' connesso nell'area
di copertura di un'altra cella, il telefono stesso decide di cambiare
la frequenza (senza per questo avvisare la radio base). Questo e' il ROAMING.
Il MS e' in continua misura delle celle adiacenti che gli vengono inviate
dalla BTS attraverso il canale BCCH.
La procedura viene anche detta RESELECTION

-CAMBIO LOCATION AREA
Il telefono monitorizza sempre durante lo stato di idle mode il canale
BCCH, quando si accorge di essere passato su celle che hanno un
identificativo dell'area diverso da quello che lui aveva in precedenza viene
effettuata una procedura chiamata LOCATION UPDATING.

-REGISTRAZIONE
Questa registrazione viene fatta per aggiornare i database connessi all'MSC
di appartenenza, viene effettuata una procedura di rilascio con la vecchia
stazione (detta IMSI detach) e una registrazione presso la nuova
(IMSI attach)
Esiste la possibilita' di imporre al telefono una procedura di registrazione
periodica es. ogni 30 minuti; se non si ricevono informazioni dal MS
durante questo periodo, l'MSC si impone una procedura di detach.

-PAGING
Il telefono monitorizza sempre in idle mode il canale di paging; se si
accorge che e' in arrivo una chiamata per lui parte la procedura di
assegnamento del canale voce (chiamata). Il messaggio di paging non cambia
all'interno di una stessa area.

-ASSEGNAMENTO
Quando inizio una telefonata sia fatta dal MS che ricevuta, si attiva
una procedura di assegnamento del canale voce detta ASSIGNMENT

-HANDOVER
Detto in parole povere e' la procedura di ROAMING effettuata in conversazione
La conversazione passa su un'altra portante di un'altra BTS; non e' detto
che venga mantenuto lo stesso timeslot.
Viene attivata la procedura omonima.

-INTRACELL HANDOVER
Dopo aver effettuato l'assegnamento del canale voce, e' possibile un
nuovo assegnamento su un'altra portante della stessa cella. Se la BTS ha
solo una portante, viene cambiato timeslot.

-FREQUENCY HOPPING
Durante una conversazione puo' accadere di fare un HANDOVER; se il sistema
gestisce il freq. hopping, l'handover puo' essere effettuato su un'altra
portante della stessa BTS; il timeslot rimane lo stesso anche dopo
l'avvenuto handover.
Attualmente il sistema non lo gestisce.

-RELEASE
E' la chiusura della conversazione
Viene attivata la procedura omonima.

-DISCONTINUOUS TRANSMISSION
E' la trasmissione discontinua; il MS in comunicazione puo' comporre
delle frame complete di informazioni sulla codifica della voce anche se
tra gli utenti non vengono scambiate parole; questo occupa inutilmente il
canale voce. La trasmissione discontinua durante una 'pausa' nella
conversazione permette al MS di comporre delle frame di dimensioni ridotte.
Nel sistema GSM gestito da TI e' attiva la trasmissione discontinua.

-POWER CONTROL
la BTS dice al MS in conversazione con quale potenza deve accedere nella sua
area di copertura, questo limita il consumo delle batterie e crea minori
interferenze. Questa informazione viene inviata ogni 480 millisec.

-TRASMISSIONE DATI
La trasmissione dati e' a tutti gli effetti una conversazione tra due
utenti, viene impiegato lo stesso canale voce; la differenza e' che viene
abilitata una 'porta' (SAPI) dedicata alla trasmissione dati diversa da
quella attivata per una conversazione normale.



PIACIUTO?

venerdì, maggio 16, 2008

mercoledì, maggio 14, 2008

7000Watts!




Ho conosciuto una persona che mi sembrava simpatica ma si è rivelata, come spesso accade, una persona che pur di non sentirsi presa per il culo è disponibile ad arrabbiarsi contro chi gli racconta che il re è nudo.

Questa persona possiede un impianto audio montato sulla propria autovettura. Quest'impianto è PROBABILMENTE molto costoso e la persona che gliel'ha montato deve aver fatto un'ottima opera di persuasione nel raccontare balle.
Nel parlare di quest'impianto più volte e esce che possiede la bellezza di 7000 W. Vedendo che l'assetto dell'auto è tutt'altro che col muso in su chiedo se possiede batterie nel bagagliaio dove risiedono gli amplificatori. Alla negazione della presenza della fonte di alimentazione e cominciò a preoccuparmi mentre lei continua a sventolare 7000 W. 7000 W 7000 W 7000 W
Siccome sono buono do per scontato che siano 3500 W per Canale e non 7000 W e per Canale come solitamente si dichiara.
La mia affermazione dell'obbligatorietà della batteria nel bagagliaio e la mia faccia probabilmente basita tutte le volte che ripeteva ossessionatamente il numero 7000 deve aver indispettito le sue convinzioni.



Ma vediamo i calcoli se corrispondono alle sensazioni spannometriche.


Ogni 7000W erogati (3.5KW *2ch)
per via del rendimento di un ampli in classe AB abbisogna di circa 14.000W
che essendo alimentati da un survoltore che ha un rendimento ovviamente NON pari ad 1 divengono ALMENO 20.000W

20.000Watt!!!!!!

a 10 Volt, tensione stimata ai capicorda degli ampli, sono 2.000Ampere!!!
Sono le cifre che normalmente devono considerare coloro i quali progettano grossi impianti come le centrali elettriche.


Bisogna anche aggiungere che un amplificatore eroga il suo massimo solo per poco tempo e quindi il volume medio il consumo sia un quarto del massimo.

Per questi motivi abbiamo da trasportare "solo" la bellezza di 500A di media. È necessario per farlo un cavo che sia in grado di portare quest' energia senza effetti collaterali.

la norma UNEL 35023, prescrive che la sezione minima del cavo non dev'essere inferiore a 0,25 mm²/A (4A/mm²).
Quindi 130mm^2
Adesso guardiamo la unel 35024-70 che ci consiglia:
280mm^2 a 30 Centigradi per posa in canalina non ventilata.

ma noi sappiamo che in auto ci sono anche 50C, quindi
560mm^2

Per chi volesse vedere le tabelle dal quale sono state tratte queste dimensioni può acquistare o visionare il manuale del perito industriale cremonini a pagina 2356. È da notare che la tabella si ferma a 400 A poiché normalmente non si porta su di un cavo questa quantità di energia ma si utilizza una spranga di rame ben avvitata poiché in caso di guasto potrebbe meccanicamente spostarsi nella canalina danneggiandola (FEM!).

Un cavo di un tale dimensione, tra quelli in commercio, più vicino e' il 630 mm^2, il quale, ha un diametro di 51,2 mm all'esterno, si, avete letto bene per alimentare questi amplificatori serve un cavo con un diametro superiore ai 5 cm, sostanzialmente impossibile da installare per le sue caratteristiche meccaniche su di un'autovettura.
Sostanzialmente è grosso e maneggevole come un tubo del gas condominiale e deve attraversare completamente la vettura!!!.

Nulla vieta però di installare bene 5 cavi da 50 mm quadri che hanno un diametro esterno di "soli" 2 cm e mezzo. Sostanzialmente si tratterebbe di rifare la parte bassa dell'autovettura in rame.

Se il disgraziato che avesse fatto l'impianto, sempre ammettendo che avesse detto la verità sulle potenze in gioco, non avesse rispettato queste normative potrebbe avvenire che in determinati momenti l'auto possa prendere fuoco: la guaina stancata delle eccessive escursioni termiche potrebbe perdere le sue caratteristiche provocando un corto circuito veramente pirotecnico.

Addio auto.

Se tutto ciò non bastasse esiste il problema del ritorno, solitamente si utilizza il telaio dell'autovettura connettendolo attraverso bulloni. Le elevate correnti in gioco potrebbero, ammettendo che sia comunque stato fatto attraverso più punti di contatto una distribuzione del carico, un danneggiamento al telaio del autovettura: da un innesco di ossidazione fino al cambiare le caratteristiche meccaniche del telaio stesso con conseguenze molto gravi sulla stabilità dell'autovettura stessa.

Oppure installare un secondo tubo del gas.

Ma adesso viene una bellissima domanda: chi fornisce tutta quest'energia?
sicuramente il complesso batteria alternatore. Il secondo su di autovettura normale è in grado di erogare al massimo un centinaio di ampere, il resto deve supplire la batteria che per evitare danneggiamenti dovrebbe essere in grado di durare almeno una mezz'ora, dopo la quale la batteria arrivando a zero si danneggia.
Occorre quindi una batteria da circa 400 A/h di targa che dimensionalmente è grande come l'intero vano motore della povera autovettura, pesante qualche centinaio di chili, con un tempo di ricarica dall'alternatore in 10-20 h di moto.
Altra domanda da porsi è il tipo di fusibile adottato: per quelle potenze esistono dei fusibili enormi, pieni di sabbia per poter spegnere l'eventuale arco che si potrebbe formare. Non dimentichiamoci che stiamo lavorando con amperaggi superiori a molte saldatrici, l'innesco di un arco causato dall'aver utilizzato dei fusibili normali porterebbe alla generazione di una zona ionizzata dalla temperatura di migliaia di gradi in grado di far sublimare il metallo.
Lascio a voi immaginare eventuali problemi derivanti dall'installazione errata di un affare del genere.


Il modo più semplice per poter avere determinate potenze consiste nel avere un generatore a benzina sistemato nel bagagliaio con tensione di 220 V e amplificatori da discoteca. A quella tensione infatti la corrente scende a 22 A divenendo trasportabile tranquillamente da un paio di cavi come quelli che usiamo per le prolunghe di casa. Esistono per uso nautico degli alternatori da collegare al motore in grado di produrre direttamente quella tensione. Anche se sarebbe da domandarsi come tenere l'acceleratore dell'auto durante un simile drenaggio, svariati cavalli.

Infine l'areazione: nel bagagliaio ha messo una stufetta elettrica circa 3Kw: e' stato previsto un condotto di raffreddamento forzato o la temperatura portera' alla rapida morte delle elettroniche?


Alla luce di questi banali calcoli possiamo tranquillamente affermare che la signora è stata sicuramente presa in giro.

O l'assemblaggio non e' a norma rischiando la vita e definendo l'installatore un possibile omicida e dando la certezza di dubitare comunque sulla potenza in gioco vista la caduta di tensione ed il fatto che una batteria da 60A/h non collassa.

O la potenza degli amplificatori è molto, molto lontana da quei 7000 W tanto da essere probabilmente esserci uno sconto ALMENO del 95% sulla potenza dichiarata definendo bene il personaggio installatore come cerusico di montagna e tutti i pericoli e le necessità di cui sopra divengono inconsistenti come la serietà di chi ha montato il tutto.


Signora, mi dispiace per il suono tondo che ha un numero vicino a 10000 ma se le va bene la potenza efficace (r.m.s.) ad 1Khz continuo thd 0.01% del suo giocattolo e' sicuramente oltre i 100W/ch ma non molto lontana... azzardiamo un 200?.

Ancora una volta la fisica mette dei limiti che possono essere superati SOLO se si conosce.

Ancora una volta si seguono le palle dei Watti, dei pixxelli, tv da "centomegaerze" e ci si arrabbia davanti alla SEMPLICE verita'.

lunedì, maggio 12, 2008

eeepc





Ancora una volta l'industria dell'informatica prova a costruire un oggetto facile da usare senza fronzoli inutili. Succede ogni 2 o 3 anni, poi capiscono che stanno sbagliando.

Hanno insomma reso funzionale quella schifezza che rispondeva al nome di origami.

La domanda che si sono fatti è cosa può servire ad un utente in mobilità che deve lavorare ed usare il computer. La risposta è stata una serie di programmi già installati sulla macchina, una macchina ridotta ai minimi termini per non essere di grosse dimensioni e di conseguenza il software doveva essere il più possibile leggero e performante per la durata delle batterie.

Conseguenza di questa visione l'uso di un sistema operativo, linux, che può disporre di tutti i programmi necessari installati di serie, non avere l'appesantimento notevole di un'antivirus che su di una macchina del genere avrebbe ridotto notevolmente le possibilità e la possibilità di configurare in maniera netta l'interfaccia utente in maniera che fosse semplice da usare. Tante belle icone grosse grosse in maniera che con pochi clic è possibile utilizzare per ciò che serve ad una persona in movimento senza grosse limitazioni di sorta. La semplicità di un telefonino e la potenza di un computer in una dimensione quasi tascabile.
Il tutto al prezzo di una licenza di Vista: 299 euri.

La cosa divertente è che tale computer ha avuto un successo enorme ed inaspettato ma, e' qui la parte scioccante, non presso l'utente poco smaliziato o comunque il target previsto, ma presso gli esperti di informatica.

Già perché costoro non amano passare il tempo a giocherellare su settaggi sempre uguali ma amano utilizzare un oggetto e basta.
Le reazioni delle persone non informatiche sono state rivolte soprattutto al fatto che l'oggetto non conteneva Windows.

Cosa interessi avere un sistema operativo piuttosto che un altro è un mistero.

Forse la gente in genere che ha brutalizzato i computer non è interessata a scrivere una lettera, mandare un e-mail, usare uno spreadsheet, ritoccare una foto o fare qualsiasi delle milioni di operazioni che in grado di fare un computer grande come una cartolina in maniera semplice ed efficace.
Forse loro vogliono divertirsi con il registro di sistema, gestire le centinaia di settaggi, godere dell'arrivo di virus, spendere molti soldi per programmi assolutamente inutili ( o forse dire di essere furbi perché li hanno copiati con tanto di troiano) ed aspettare che la clessidra giri una settantina di volte prima di avere il risultato.


Per aumentare quindi la vendibilità del prodotto pare sara' possibile avere l'opzione di montare un sistema operativo inadatto alla tipologia della macchina: Windows XP. Dopo i primi 10 mesi di update finira' lo spazio sull'hdd...

giovedì, maggio 08, 2008

H=tutto BBeello

In questi giorni c'è un rimbalzare di una notizia a proposito di un impianto che è stato costruito in quel di Arezzo.
Queste sono alcune frasi prese da siti di informazione nazionale come "Ansa" o "La Stampa" ecc.

"IN TOSCANA RIVOLUZIONE VERDE"
"mettendo al «riparo» famiglie dal caro enegia"
"Ad Arezzo il primo idrogenodotto al mondo in area urbana"
"Fabbrica del Sole"
"Tutto il mondo deve pensare a 'sganciarsi' dagli idrocarburi"
"La Toscana pensa seriamente a diventare distretto dell'idrogeno buono."
" idrogeno verde"
"idrogeno puro"

Parole come rivoluzione e sganciarsi dal idrocarburi danno subito l'idea che sia arrivato qualcosa da permetterci di dimenticarci il cadavere del dinosauro che estraiamo dalla terra in tonnellate al secondo.
A seconda della fonte il famoso gas idrogeno, incolore, inodore, altamente infiammabile , Simbolo H, Numero Atomico 1, diviene PURO, VERDE e BUONO.

Ragazzi, presto!, fatemi un esempio di gas arancione, con pensieri impuri e cattivo!

Già a questo punto della notizia dovremo archiviarla come bufala.


Leggendo bene le varie notizie che parlano di questo impianto notiamo un grande assente: l' energia.

Sostanzialmente si sta parlando di energia senza parlare di energia, ma è fantastico!

Me ne ricorderò la prossima volta che vado dal distributore di benzina dove cercherò di evitare di parlare di litri per potermene uscire senza pagare.

Leggendo bene l'articolo non è una rivoluzione ma è semplicemente un pool di aziende che consumano normalmente, per lavorazioni, dell'idrogeno e anziché ordinarlo in bombola si sarebbero consorziati per produrlo localmente con quattro pannelli.

Se infatti fosse un impianto di generazione di qualsiasi tipo sapremo anche quanto genera in megawatt, invece ci troviamo di fronte ad una semplice commodity.

Viene il sospetto che il famoso "idrogeno buono" sia buono nell'accezione che lo Stato abbia pagato parte di questo impianto grazie al questi articoli molto demagogici: giunta regionale ha cacciato per un totale di 400 mila euri.

Ma arriva la chicca: dopo tutte queste dichiarazioni pseudoecologiche si scopre fra le righe che probabilmente l’idrogeno viene ricavato dal metano!!!

Bruciano metano, insomma niente pannelli come detto prima, per avere idrogeno, se son furbi attraverso un reforming.

Fantastico!!!

aspetta non e' chiaro, ma cosa abbiamo letto?
Tutto il mondo deve pensare a 'sganciarsi' dagli idrocarburi, ad Arezzo il metano non e' un composto organico, che contiene soltanto atomi di carbonio e di idrogeno? CH4 dice nulla?

Ma non potete preoccuparvi perché è già in corsa un'altra borsa di soldi per un progettone: comprare i pannelli solari che come gia sappiamo non bastano certo a rifornir tutta Arezzo soprattutto dopo la conversione in H.



Sostanzialmente possiamo ridurre il tutto al fatto che le aziende che si sono consorziate hanno avuto dei soldi in cambio di avere un solo sito per produrre l'idrogeno e anziché molti e ciò sicuramente è un vantaggio sia economico sia ambientale. Da qui parlare di rivoluzione verde facendo credere alla gente che arrivano gigawatt ecologici attraverso un tubo del gas è forse truffa.


Caro presidente della Giunta Regionale della Toscana, Claudio Martini, i casi sono 5:

Nel primo eccessiva faciloneria e incompetenza nel settore energetico, non solo non conosce l'energia ma non si è neppure appoggiato a esperti che le evitavano la figuraccia. Per questo motivo lei sarebbe inadatto a occupare il posto che occupa.

Nel secondo caso i giornali, ma ahimè anche lei, hanno scritto delle bugie: i bugiardi dovrebbero essere puniti, almeno con il dileggio.

Nel terzo caso è meglio che se ne occupi la magistratura, lei sa cosa intendo.

Nel quarto e' un sistema per bypassare, inquinando di piu', i costi del gestore elettrico nazionale, tax comprese.

Nel quinto caso io sono uno stupido, capita, ho compreso male male e tutto ciò che ho detto sono follie.

per chi vuole provare l'ebrezza di chiedere:

claudiomartini@regione.toscana.it

Fatemi sapere quale delle 5.

martedì, maggio 06, 2008

Islam distretto italia

il 30 settembre 2005 alcune vignette satiriche vennero pubblicate da un giornale danese (Jyllands-Posten) e riprese sucessivamente da un settimanale norvegese.
Nel corso della settimana per via di quelle opere ritenute offensive dai musulmani in diversi paesi islamici, Arabia Saudita, Qatar e Barhein vi sono state manifestazioni contro questi paesi REI di ospitare giornali cosi' impuri.


Alcuni miliziani di Al Fatah hanno presidiato la sede dell'Unione europea a Gaza, gente armata di una setta "vittoria in battaglia" che litiga contro una vignetta dovrebbe far sorridere, ma pare che loro... non ridessero affatto.

Il governo di Riad ha immediatamente richiamato il proprio ambasciatore in Danimarca. In Kuwait i deputati hanno chiesto di imporre sanzioni diplomatiche ed economiche contro Copenaghen. Il presidente del parlamento Jassem al Khorafi ha chiesto un boicottaggio totale della Danimarca, come "lezione per coloro che in futuro pensassero di ripetere tali insulti". Tripoli ha deciso la chiusura della sua ambasciata a Copenaghen per protestare contro il silenzio delle autorità danesi.
Gruppi armati palestinesi minacciano di «trasformare in bersagli» i norvegesi e danesi che si trovano a Gaza e in Cisgiordania e danno un ultimatum di 48 ore per ottenere le scuse formali dai governi di Norvegia e Danimarca. Bahrein:Il parlamento ha indetto una seduta speciale per discutere della questione, mentre i deputati hanno già chiesto il boicottaggio dei prodotti dei due paesi.

La storia va avanti ancora parecchio e se è vero che non bisogna scherzare con i santi è altrettanto vero che la cosa ha con se un qualcosa di irreale e pazzesco.
Ma soprattutto cosa contenevano le vignette incriminate? davano del bugiardo al profeta? ai suoi seguaci?
Per quanto potrà sembrare assurdo mentre tutti i giornali, riviste e televisioni ne parlavano, senza raccontare, giornalmente nessuno pubblicava queste pietra dello scandalo suscitando la possibilità che fossero veramente oscene.
Tutti i media mostrano di aver paura delle vignette.
Dopo qualche tempo mi ero stufato di sentirne parlare senza soggetto: erano così tremende da non essere pubblicate oppure il mondo arabo è veramente in grado di soggiogare tranquillamente il mondo intero? Anche su Internet ci misi molte ore a trovarle, tutti ne parlavano ma nessuno pubblicava.
Dopo molti giorni di ricerca riuscii a scovarle: una banalità pazzesca.
Come delle vignette senza grinta e dal povero disegno potessero causare tali disordini è incomprensibile. Un paio sono addirittura simpatiche, suscitano quel sorriso bonario ed indulgente che non può certo provocare l'ira.

Quali sono i motivi per i quali è possibile scatenare un putiferio del genere?
una crisi diplomatica voluta un paese che possiede cittadini che stanno morendo di fame, ma contemporaneamente è un ricco esportatore di petrolio, forse e' usata per incanalare la ferocia della folla che dovrebbe far scempio dei propri governanti?
Forse nei paesi nordici non e' presente il 10% della popolazione araba come in italietta?

Le folle, inferocite, non possono sicuramente aver visto quelle vignette, altrimenti la reazione sarebbe stata un'alzata di spalle. Se cosi' fosse sarebbero degli ignavi comandati da un potere scaltro che non desidera che il proprio tornaconto. Anziche' raccontare della barzelletta delle vergini insufficienti, anche in terra araba esisteranno le barzellette,no?, gli sara' stato detto che nella vignetta Maometto veniva sodomizzato e quelli, stolti, credendoci ciecamente si sono incazzati.

Gia', forse dovrebbero provare a leggere i vignettisti di "cuore".

In questa situazione che sembra durata fin troppo, qualcuno, finalmente dopo ben SEI MESI, nel febbraio 2006, decide di farci vedere queste drammatiche vignette: La Stampa, Libero, La Padania e L'Opinione. Come dire che i gionali maggiori sono controllati dagli arabi.

Calderoli, nello stesso periodo, si attirò le critiche del mondo islamico, mostrando di indossare una maglietta con le vignette sotto la camicia. Poco dopo diversi libici rimasero uccisi in scontri con le forze di sicurezza a Bengasi, nella Libia orientale, dove una folla inferocita diede fuoco al consolato italiano. Calderoli, indicato come l'indiretto responsabile per quell'episodio, dovette dimettersi da ministro, sotto la pressione del suo esecutivo.

Sicuramente Calderoli come soggetto istituzionale ha sbagliato clamorosamente, e su questo penso che non ci siano dubbi.

Diversa è un'altra questione: è possibile che nessuno possa fare ironia sul fatto che un paio di vignette, non particolarmente aggressive, pubblicate in uno dei paesi più civili del mondo, possono scatenare caos per molti mesi di seguito e nessuno possa ironizzare su questo?

Calderoli ci ha indicato una cosa: non siamo liberi a casa nostra di raccontare barzellette.

La lega ha sempre avuto al governo il ruolo che nelle antiche corti spettava al buffone, non essendo importanti hanno potuto spesso dire cose prurigginose, un po'come il ruolo dei Verdi nell'altro schieramento dove fanno i raccatta palle. Calderoli si è immedesimato un po'troppo nel personaggio, bisogna anche dire che dopo scioperi della fame, porno star, ballerine, travestiti e ameni personaggi di vario tipo nel nostro governo il signor Calderoli spicca come un operaio all'interno della fiat.

Ancora ad agosto 2007 in Svezia, altro paese molto civile, ci sono state sommosse perché alcuni giornali hanno pubblicato delle opere in cui verrebbe offeso Maometto. Il governo ha inoltre affermato "In Svezia vige la libertà di stampa, quindi le autorità non vogliono e non possono per legge immischiarsi nella vicenda". Ovviamente in Italia ci siamo ben guardati di riportare le immagini che hanno causato cotanto caos.

Nel mese di gennaio 2008 sono state arrestate delle persone che stavano pianificando l'uccisione del disegnatore delle vignette del 2005. Queste persone stanno gettando fango su Maometto molto di più delle vignette. Oltretutto sembra che proclamino che gli islamici siano stupidi.

Ma la notizia più sconcertante arriva adesso, in questi giorni. Un paese arabo vorrebbe decidere quali sono i nostri ministri mettendo il veto sul solito Calderoli.

Forse abbiamo mostrato a loro che siamo un po'stupidi: accettiamo le loro patenti senza che ci sia la possibilità di controllarle, modifichiamo l'alimentazione dei nostri figli per non urtare i loro usi e costumi quando vengono nelle nostre scuole, regaliamo stabili per uso moschea, modifichiamo i nostri usi e costumi per non toccare la loro sensibilità.
Loro quando noi andiamo nei loro paesi non fanno nulla di tutto ciò. Provate ad aprire una chiesa a Riad o vicino alla Mecca.

Il corollario consiste nel fatto che loro possono decidere cosa è meglio, per loro, nel nostro stato.

Formazione del NOSTRO Governo compreso.

Alla fine, per quanto potrebbe sembrarci pazzesco, Calderori con le sue "porcate", "bingo-bongo", "maiale-day" e "culattoni" a go-go rischia di farci notare con la sua presenza o mancanza meglio di eminenti statisti dove risiedono alcuni limiti delle nostre liberta' e della nostra sicurezza in Italia.


domenica, maggio 04, 2008

full HD: Full Hard Destroy?









È molto divertente, per quanto ti faccia rivoltare le budella dal nervoso, vedere i clienti che entrano nei negozi con la bocca piena di parole tecniche che vengono vomitate fuori come da una bocca di una mitragliatrice: in sequenza e senza un significato singolo.

Qualche mese fa la parola gettonata era HDMI, il sistema anti copia, non solo visto come panacea a tutti i mali della qualità di visione ma anche della superiorità di immagine ottenuta dal possedere una versione anziché l'altra del mitico LUCCHETTONE SPAZIALE a pagamento.
Dopo aver espresso, e pagato, questi desideri è ancora più brutto vedere degli adulti che picchiano i piedi come dei bambini perché il loro videoregistratore, hard disk più o meno integrato in altri apparecchi o altri oggetti similari non funzionano se non ricevono la chiave apposita come desiderato dall'acquirente.

Poi, complice una discesa di prezzo non indifferente, la parola d'ordine è diventata full HD. Non è importante che televisore sia uno schifo ma è importante che possieda la mitica parolina, anche in questo caso panacea di tutti i mali.
Come abbiamo già visto se guardiamo il 90% dei contenuti in una risoluzione il pannello dovrebbe essere in quella risoluzione: PAL.
Così si è passati dalla situazione in cui si è snobbato il 576, a quella in cui si sta snobbando qualsiasi risoluzione sia inferiore a 1080.
Lasciando un attimo perdere il fatto che l'eventuale scaling (e non lo considereremo per il resto del post) è molto più oneroso su di un pannello più performante, ci sono altre cose da considerare ridicole.
Visto che la scritta full HD è più libidinosa di qualsiasi altra cosa come: un televisore più grosso, un televisore migliore e una marca migliore rispetto a "bidoncin"..... il risultato è che il cliente è disposto a devolvere più soldi per questa caratteristica che per qualsiasi altra e quando chiedi la distanza di visione rimane basito del fatto che il famoso 27 o 32 pollici vengano visti a una distanza di 4 o 5 m.

Che siano tutti giovani aquile?
No, tanti portano occhiali e spesso strizzano gli occhi al compilar l'assegno.


"Il potere risolutivo di un sistema ottico è definito come la capacità del sistema stesso di produrre due punti immagine che vengono percepiti e analizzati come separati....." " .....in relazione anche alle caratteristiche della retina ha permesso di stabilire che la risoluzione massima è approssimativamente quella citata da Snellen cioè due tratti per essere distinti devono essere separati da un primo d'arco."

"Secondo Snellen la “visione normale” è la capacità dell'occhio umano di riconoscere un ottotipo quando esso sottende 5 minuti d'arco e quindi discriminare un singolo tratto della dimensione di 1 minuto d'arco."

Voila' abiamo la capacita' "normale" della fovea.

Grazie alla matematica "base" sappiamo, grazie alla teoria dei seni, a che distanta il pixel non e' piu' distinguibile dai suoi vicini e quindi e' inulile spendere per aumentare la risoluzione o e' assurdo allontanare il TV.

Tornando al nostro cliente del 32" scopriamo che in fullHD lo deve vedere a circa un metro e mezzo, altrimenti un pannello considerato dal nostro mastica-parolacce un'offesa alla sua presunta intelligenza, 840*576, si vede alla distanza a cui lo ha piazzato 5 metri, nella stessa maniera. ANZI. A quella distanza un 80" hd e ridi va mooolto meglio di un 32"FullHD.


Minimo minima distanza di visione: sotto questa distanza in centimetri non percepiremo piu' lo schermo integralmente.

Full HD Hd ready PAL + NTSC: distanza in centimetri oltre la quale non percepiremo piu' la risoluzione del pannello.

pollici
Minimo Full HD Hd ready PAL + NTSC
14 22 55 78 120 176
20 31 79 111 171 252
26 41 103 145 223 328
30 47 119 167 257 378
32 50 127 178 274 403
37 58 147 206 317 466
40 62 159 223 343 504
42 66 166 234 360 529
46 72 182 256 394 580
50 78 198 279 429 630
80 125 317 446 686 1008

venerdì, maggio 02, 2008

MICROSOFT aaagain


non è chiaro se questa immagine sia vera ma non sarebbe così strana.
Nonostante le affermazioni della scimmia urlante, disse sostanzialmente che strappò l' ipod dalle mani dei figli, i signori della Microsoft a usano spesso sistemi operativi non di loro proprietà.
I suoni che avete trovato di serie sotto Windows XP sono stati realizzati con un Mac e con software crackato così come molte delle pubblicità ed immagini istituzionali di Microsoft vengono realizzate in ambiente APPLE. Ogni tanto si dimenticano di levare le intestazioni.
Fino a pochi anni fa tutta la contabilità di Microsoft e girava sotto un sistema di ibm. con sistema operativo IBM e software IBM.
dal momento che Microsoft non è in grado di fornire un buon supporto tecnico al sistema operativo Windows per quest'ultimo la Microsoft si è rivolta ai tecnici di H. P.
I loro firewall erano targati LinuX (orrrrrore!)

se non trovate divertente questo...

giovedì, maggio 01, 2008

deficienti in neuroni


Se non vi sembra gia' sufficientemente pericoloso chiudere le feritoie di raffreddamento sappiate che a provocare l'eventuale distruzione ad opera delle fiamme e' il monitor dell'impianto ANTINCENDIO....... che ovviamente sarebbe il primo a subire.

Sappiate che l'impianto e' costato assai come la manutenzione e si trova in uno stabile di un comune.

Quando ho tolto la copertura era ROVENTE.