lunedì, dicembre 31, 2007

eolo, la calunnia e' un venticello


Ricevo l'ennesima catena di S.Antonio....

------------------------------------------------------------------------
EOLO l'auto capace di fare 100 Km con 0,77 euro, poteva raggiungere una velocità di110 Km/h e
funzionare per più di 10 ore consecutive nell'uso urbano.
Allo scarico usciva solo aria, ad una temperatura di circa -20°, che veniva utilizzata
d'estate per l'impianto di condizionamento.
Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il
compressore presente all'interno dell'auto riempiva le bombole di aria compressa,
che veniva utilizzata poi per il suo funzionamento.
Non essendoci camera di scoppio né sollecitazioni termiche o meccaniche la
manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta.
Una macchina che non abbia quasi bisogno di tagliandi nè di cambi olio,che sia semplice e
fatta per durare e che consumi soltanto energia elettrica, non fa guadagnare abbastanza.
Quindi deve essere eliminata, nascosta insieme a chissà cos'altro in quei cassetti di cui
parlava Beppe Grillo tanti anni fa, nelle scrivanie di qualche ragioniere della Fiat o della
Esso, dove non possa far danno ed intaccare la grossa torta che fa grufolare di gioia le
grandi compagnie del petrolio e le case costruttrici, senza che "l'informazione" ufficiale dica
mai nulla, presa com'è a scodinzolare mentre divora le briciole sotto al tavolo....
-----------------------------------------------------------------


Se ancora dopo tanti anni ti gira ancora questa bufala, era una scusa per poter frodare allo Stato francese qualche milione di euro, vuol dire che in Italia la fisica non è che una strana opinione.
Innanzitutto com'era costruita la Eolo?
era leggerissimo traliccio paragonabile all'antico ape car, un affare che non passerebbe un crash test pure con un santino sul cruscotto.
Ma questo è nulla vediamo le dichiarazioni fatte:


"Non essendoci sollecitazioni termiche o meccaniche la
manutenzione era praticamente nulla, paragonabile a quella di una bicicletta."

Quest'affermazione, molto più delle altre, si presta a ilarità. Non solo le sollecitazioni termiche e meccaniche sono mostruose. L'aria compressa a 200 atmosfere espandendosi diminuisce di temperatura, banale affermazione della fisica ottocentesca, per questo motivo tutto il motore, soprattutto l'equivalente della camera di scoppio, scendono brutalmente di temperatura. I metalli portati a temperature così basse divengono fragili, gli oli perdono le loro caratteristiche di viscosità, sarebbe addirittura necessario inventare una nuova classe di lubrificanti per riuscire a sostenere quella mostruosa escursione termica necessaria a questa vettura.
Se ancora questo non vi sembra nulla, un blocco di metallo così freddo posto in atmosfera provocherebbe dapprima condensa e poi ghiaccio. In parole povere dopo pochi chilometri l'intero blocco motore sarebbe rivestito da una coltre di ghiaccio che ne bloccherebbe il funzionamento per decine di ore. Mettere bruciatori di benzina per scaldare il motore porterebbe il consumo pari a quello di una portaerei.


"100 Km con 0,77 euro":
visto che 1 kWh costa circa € 0,2, visto che il rendimento del motore elettrico, delle cinghie dei pistoni, del raffreddamento dell'aria e tutte quelle altre cose contenute nell'oggetto compressore fanno sì che l'energia che finisce nella bombola sia più o meno la metà di quella che arriva dalla presa di corrente vuol dire che questa vettura dovrebbe fare con 2 kWh 100km. Giusto per capire che fantascienza è divenuta normalità, se andasse a 10 km/h, difficile ipotizzare che possa viaggiare più velocemente, è interessante notare che piu' metà del energia finirebbe nei fanali. Quindi abbiamo automobile il cui motore consuma meno dei fanali, da cosa prendano l'energia questi ultimi non è dato sapere.



"Collegando Eolo ad una normale presa di corrente, nel giro di circa 6 ore il
compressore riempiva le bombole di aria compressa."

In 6 h il contatore domestico può erogare al massimo 12 kWh, sostanzialmente pari a (uno) 1 l di benzina dopo la compressione (6KWh), e stando all'affermazione precedente, dovrebbe permettere all'autonomia di 300 km. Forse abbiamo trovato come sono stati costruiti i motori degli ufo. Nelle dieci ore promesse i fanali, le spie eccetera doverebbero consumare circa 2KWh, se ammettiamo un rendimento del motore e dell'alternatore pari al 50% (e siamo buoni) ci siamo bevuti 4KWh, quasi il 70% dell'energia solo per stare fermi al semaforo con i fari obbligatori. Se poi volessimo il riscaldamento....


L'unico uso di questa vettura, stando alle caratteristiche diffuse, e' stare immobili per 10 ore con i fari accesi ed al freddo polare.... se guardiamo la realta' si ghiaccia moooolto prima.


È sicuramente più figo raccontare di aver scoperto un complotto ordito da qualche entità particolare che scoprire che l' ecologia si fa tutti i giorni, una cosa banale e noiosa come vuotare il sacco del pattume.
E siccome cosa noiosa e molto più divertente dire che la soluzione a tutti i problemi è un oggetto impossibile da aversi per colpa degli altri mentre nel contempo si fa tutto ciò che riusciamo per ottenere un peggioramento della situazione.
Sostanzialmente a nessuno interessa l'ecologia: auto insicure (NTSA) e consumone come le furgonette (alias suv se NON hanno la scritta carabinieri) o degli autofurgoni finestrati (oggi monovolume) stanno a dimostrarlo, come del resto la diffusione delle auto a gasolio e la fine delle EV1.

Persino i fantomatici verdi si adirano quando si costruiscono centrali rinnovabili (il RUMORE dell' eolico e' un divertente ossimoro) dimenticando che MAI si ha qualcosa in cambio di nulla, tantomeno in fisica.

E' il pubblico la figura alla quale NON interessa l' ecologia se non come raccontino domenicale.
La eolo, assurdo prototipo di motore, ottempera a questo: raccontino che serve per mettere in pace la nostra coscienza quando andiamo a fare il pieno di gasolio del nostro furgone che usiamo per andare a far la spesa. Così possiamo dire che la soluzione esiste e ci verrà consegnata quando sarà il momento.

Chi e' credente in qualsivoglia confessione e' pregato di pregare per la nostra sorte.

venerdì, dicembre 28, 2007

Abbiam scritto sulla fronte...


ieri, durante la un'intervista rilasciata da Romano Prodi alla radio 24, mi è venuta un l'illuminazione.

Dal momento che non credo che un italiano normodotato, abitante in Italia, che non sia culturalmente come una piadina romagnola, possa assolutamente non sapere che ruolo ha un aeroporto chiamato HUB nella rete di trasporti internazionali.

Ne deduco che il signor Prodi sia finto, sia una marionetta, sia insomma il front-end di qualcosa.
Bisognerebbe capire questa scatola vuota, che al massimo potrebbe dirigere una drogheria di piccole dimensioni, di chi sia la faccia.
Dei marziani modello Hollywood?

Le risposte che dava, le ipotesi che faceva, possono assegnarsi al massimo ad una quindicenne che legge "cioè", sempre che lo stampino ancora.


Faccio alcuni esempi di ciò che ho sentito:
l'aeroporto della città di Bergamo fa concorrenza a Malpensa. Già un aeroporto cittadino fa paura ad un hub a, a questo punto dovrebbe essere più preoccupata più Fiumicino o, seguendo il discorso, punta Raisi.
I francesi hanno interesse a mantenere i nostri due hub. Come per dire che i francesi non hanno uno snodo spaventoso che è grosso una città, possiede sette terminal, almeno io ho corso dal due al sette, serve mezz'Africa e un bel pezzo di Sudamerica, per non parlare delle terre d'oltremare... vogliono altri 2 hub?



La realtà è molto più cruda.
1)Prodi non capisce niente, non s'è informato sulla realtà aeroportuale italiana e non connette, almeno stando a quello che dice ed e' un dato di fatto verificabile.
2)In Italia si è promosso un nodo, a Roma, lontano dalle realtà produttive del paese che stavano in ben altro posto. Quando queste esigenze si sono fatte stringenti è emersa la necessità di spostare questo nodo mal fatto. Anziché chiudere uno per l'altro si è deciso di mantenerli entrambi dimenticando che il traffico generato dagli italiani giammai poteva sostenere due concentratori di quella classe, non succede in paesi con compagnie e traffici ben piu tosti come la Francia, la Germania, Inghilterra. Per Malpensa, poco servita e fuori mano per un milanese, dopo una robusta iniezione di denaro, è cominciata la guerra per accaparrare ciò che rimaneva del traffico disponibile, principalmente dall'aeroporto di Milano, Linate, spesso passato come agnello sacrificale da immolare sull'altare del aeroporto del Varesotto. Ancora Prodi durante l'intervista allungava fra le linee del discorso che Milano e Bergamo rubavano a quelli di Varese. Come se sullo stesso piano.... In realtà la Malpensa dovrebbe rubare a Roma, Parigi, Londra e New York. Se non lo fa è perché non è un hub e non lo è mai stato. Il traffico destinato a Varese è quello di Roma, chiudendo Roma (l'errore) si può far partire Malpensa. Per i francesi è normale, è giusto, considerare questo abominio di aeroporto semplicemente l'aeroporto della città di Varese quale è.


La domanda che nasce spontanea e che ha dato il nome al weblog che scrivo e':

MA NESSUN GIORNALE HA MAI FATTO NOTARE IN 20 ANNI QUESTO?
Ed ora perche' continuano a stare zitti e dire le stesse baggianate?

domenica, dicembre 23, 2007

Office ProFFesCional 2007

Secondo Reed Shaffner, product manager for enterprise di Microsoft, l'update ad office contiene circa 2500 bug fix, di cui il 20% sono stati segnalati in vario modo dagli utenti e più di 500 correggono problemi di sicurezza.

Cioe', tradotto in italiano, compro un oggetto qualsivoglia che costa 1200euri nella versione + sciccosa (Project Professional) e tu dopo qualche mese dici che aveva "qualche" errore di progettazione, praticamente non esiste ambito in cui non ci siano errori. Non solo, questi pare che siano solo quelli trovati.
La domanda e' naturale vista la naturalezza del portavoce: ma qualcosa che funziona e' mai stata costruita da voi?

Se la vostra auto avesse anche solo 5 GRAVI problemi, ed altri 100 "stupidi" come l'accendisigari che non va' o il bagagliaio che non si chiude.... come interverreste sul produttore? Come vi sentireste anche se dopo un annetto QUESTI venissero quasi tutti sistemati?

MADAI!!!



Io cambierei fornitore.....



martedì, dicembre 18, 2007

WM, PPC,4-5-6-7-8--9--




Microsoft ha lasciato trapelare alcune informazioni sulle future versioni del suo sistema operativo Windows Mobile per smartphone e palmari. Attualmente giunto alla versione 6, presto sarà rilasciata la versione 6.1, che apporterà piccoli miglioramenti all'interfaccia. In futuro, Windows Mobile 7 aggiungerà diversa "roba"



Dopo essere stato scottato da Windows mobile, sinceramente non pensavo un disastro così grosso, sono certo che non comprero'mai più un telefono con detto sistema operativo. Le mie disavventure le già raccontate.
Tutti possiamo sbagliare a dare una seconda possibilia'. Purtroppo anche nel mobile MS fa schifo, anzi piu' che nel computing tradizionale.

Notevole invece l'assuefazione alla gente che ho incontrato che dopo aver preso in mano un prodotto sbilenco è determinata a passare alla versione successiva poiché sicuramente migliore. Costoro fra 10 anni avranno quello che io avevo sul mio vecchio Ericsson cinque anni fa.

Maledizioni a chi rubò l'apparecchio.

Attualmente l'abominio è giunto alla versione 6, come del resto confermato da Microsoft, non è altro che un service pack a caro prezzo del cinque. Siccome le cose vengono sempre fatte in malo modo presto sarà rilasciata la versione 6.1, che apporterà ancora una serie di miglioramenti, in italiano, rimetteranno posto ciò che hanno fatto di sbagliato. In futuro, Windows Mobile 7 correggerà sicuramente altri errori di progettazione rimasti fin qua dimenticati. Sicuramente nel frattempo verrà resa, a piccoli passi per far notare miglioramenti, più cool l'estetica dell'interfaccia.
Non è detto comunque che si riesca sempre telefonare senza che cada il sistema operativo.

Esistono molte interfacce molti sistemi operativi per i telefoni, io ne ho provate molte, peggio di questa penso che sia impossibile.

lunedì, dicembre 17, 2007

auto elettriche


L'energia elettrica viene prodotta da Enel (2006) in circa 600 centrali su tutto il territorio italiano, per una potenza installata pari a circa 42.000 MW. Tenuto conto che molte centrali sono "quando va va" come le idroelettriche, eoliche, solari eccetera, che esiste la manutenzione delle centrali, teniamo condo che NON e' lontanamente possibile disporre di questa potenza

la produzione totale di energia elettrica italiana del 2005 netta e' stata di 304.000GWh e tolte le perdite, di rete & compagnia bella, 263.000GWh (fonte terna)

per quelli che vogliono attaccare la spina dell'auto elettrica l'istat (2004) dice che per autovetture e' stato bruciato 21.235.000 tonnellate di combustibile pari a 169.000GWh pari a 600.000MW di picco. Se si tiene conto che non e' bruciato in maniera uniforme, si pensi alle code del rientro, anche ammettendo del miglior rendimento dell'auto elettrica (od a idrogeno) e' necessario costruire una quantita' enorme di centrali, sostanzialmente raddoppiare la rete odierna assemblata in 100 anni.

se per una sola centrale si litiga un decennio.... fra 10.000 anni...

Se non credete che la fantascienza sia realta', "inventeranno qualcosa di nuovo", e pensate che la fusione non sia pronta domani mattina l'unica alternativa e' bruciare combustibili fossili....

OVVERO: anche se mettessero in vendita auto elettriche non solo NON converrebbe cambiarle rispetto ai BENZINA ma non sarebbe neppure possibile caricarle.

lunedì, dicembre 10, 2007

San'n'Max


ibecilsplatter?

Potrebbe essere un regalo per quel simpatico coniglietto tenero e batuffoloso...
Si Ok, ti do' la bambola da mettere sopra le termiti velenose ma non picchiarmi con la dentiera dell'agente Sherman!

San'n'Max che ricordi......

domenica, dicembre 09, 2007

repubbicaaaaa!


repubblica: fai schifo!!!



http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/scienza_e_tecnologia/commodore-25-anni/commodore-25-anni/commodore-25-anni.html


“Buon compleanno al Commodore 25 anni per il primo computer al mondo

di LUIGI BIGNAMI”


Caro Luigi, cara Repubblica (delle banane?), forse la cronologia degli eventi e' per voi una banale opinione.

Il primo computer e' di molto precedente e pur volendo incensare il primo computer “comprabile” da un privato forse e' necessario ricordare l' Apple II. Anche volendo posticipare il primo vero successo fu lo ZX80/81, venduto anche come Timex.



“La sua potenza si limitava a 64 chilobytes,”

Forse capacita', la quantita' di memoria, altrimenti la potenza della vostra auto e' 4 cilindri....



"fondatore della Commodore, il quale lunedì prossimo inaugurerà un museo dedicato al C64 a Mountain View...”


HAAAaaaa forse e' questa la notizia, il resto sono stupidate


“La fortuna del C64 è da imputare alla semplicità di utilizzo che era molto superiore ai due concorrenti che ebbero ben poca fortuna, il PET e il VIC-20.”

la cronologia degli eventi e' per voi una banale opinione. Adesso ne siamo certi! Il Vic 20 era la versione ridotta, 3.5KB ed un audio/video ridotti, comunque venduto in milioni di pezzi, del CBM64. Il PET era la versione professionale SEMPRE della Commodore. Come possano essere due concorrenti....

I concorrenti cari IGNORANTI, un momento di grande fermento e innovazione erano tanti, macchine come l' oric, il TI99, il tandy, ma qui in Europa il concorrente principe era la creatura di Sir Clive, lo Zx spectrum. Inenarrabili le celie fra i due schieramenti: Che Bidone Mamma contro Chewing gum.


Consiglio, assai vivamente di evitare di pubblicare stupidate e arricchire cosi' l'elenco che provoca ilarita' nella rete. Che siate un giornale poco serio si e' gia' visto, ma perche' demolire quel poco di creibilita' che e' rimasta? Forse il vostro target di mercato e' simile a “Topolino”?



Modifica:

Dopo la mia segnalazione hanno parzialmente modificato il brano... CHE CONSERVO IN PDF

lunedì, dicembre 03, 2007

morti trascurati


" un recente studio dice che negli USA ogni anno ci sono 2600 morti e 330.000 feriti per incidenti automobilistici causati dall'uso del cellulare durante la guida."

Negli USA il 41% degli incidenti stradali avviene nei periodi di massima predisposizione all'assopimento (fra le 2 e le 7 del mattino e fra le 14 e le 17) ed il 54% degli incidenti mortali si verifica nelle ore notturne.


Sommato agli ubriachi, fumati, impillolati (anche con prescrizione, vedi i farmaci ipnotici benzodiazepinici ed ansiolitici, specie a emivita lunga, antiistaminici, alcuni antipertensivi e antidepressivi. ) e perati..... credete ancora come il ministro Bianco che l'unica causa di morte sia la velocita?

Un cocainomane o un ubriaco che corre a 120 in citta'.... L'incidente credete che sia dato dalla velocita' o da qualcosa d'altro?

Le statistiche sono prese da un paese, gli usa, che le sa fare....

Aggiungiamo che gia' anni or sono gli USA dicevano che uno "small truck", in Italiano furgonetta, in marketinghese SUV, ha una probabilita' NOTEVOLEMENTE piu' alta di rimanere coinvolto in un incidente, il 30% in piu' mi pare di ricordare. Per questo motivo all'acquisto sul cruscotto e' obbligatorio un adesivo che ricorda la pericolosita' del mezzo.

In italia si dice che una Furgonetta e' sicura.

Pensate che i ministri Bersani e Bianco del Governo Prodi siano a conoscenza di queste statistiche?

NOoooo, assolutamente! sono dei fieri alfieri dell' autovelox & tutor!

Di fare rilevamenti con il palloncino o analisi del sangue NISBA.
Evidentemente non si sa neppure che esistono MOLTE leggi in italia che parlano di questo problema ma che vengono ignorate dalla polstrada&c.

IGNORANTI! Adatti ad andare a fare i bidelli!

sabato, dicembre 01, 2007

Veleggiare



Sul mare estivo, mentre si gonfiano le vele la barca prende a galoppare fremendo, il vento accarezza la pelle, scompiglia i capelli e i pensieri si fanno giocosi.

Gli idioti fannno il mercato





Che ne pensate, sono tutti come nel " la marcia degli idioti"?

Ho in mano un volantino di Samsung. Il motto di ingresso è
"scegli la qualità dell'alta definizione".

In qualche nulla di strano ormai i siamo destinati a essere massacrati da questo modo di dire.

Quello che lascia molto basito e quello l che trovo in fondo alla pagina una frase sibillina,"e tu dì che definizione sei?"La cosa divertente è che dimostrano di non sapere fare calcoli o meglio di prendere per il culo corposamente il lettore del giornaletto.

Stando a quanto descrive la didascalia il televisore HD ready sarebbe proprietario della bellezza di 3,1 milioni di pixel mentre quello Full HD sarebbe proprietario della bellezza di 6,2 milioni di pixel. A queste risoluzioni nessun pannello può oggi arrivare, esiste giusto qualche videoproiettore normalmente non in commercio e qualche affare sperimentale.
Da dove saltano fuori questi numeri bislacchi? 1920 è a 1080 a casa mia fornisce come risultato 2073600 mentre 1366 per 768 da poco più di un milione.

L'unica spiegazione plausibile è che anziché contare i pixel costoro si siano inventati di contare subpixel, i terzi di pixel , un po' come dire che quando passano le automobile anziché contare le targhe, i telai o il corpo vettura uno spiritello decida di contare le ruote.

I casi sono due, l'ignorante sarà contento perché vede il numero grosso, la persona normale decide che Samsung non è sicuramente una marca seria. Nessuna azienda che non riesca a operare una semplice moltiplicazione e degna di esistere sul mercato. Per essere cattivi nessuna azienda che celia così gravemente il pubblico non dovrebbe esistere sul pianeta terra: le vecchie aziende che puntavano alla qualità del prodotto, non alla qualità percepita che piace tanto al marketing, non avrebbero mai osato una cosa del genere.


Ho parlato di Samsung perché è la prima che mi capita sott'occhio e non è escluso che ce ne siano delle altre che viaggiano sulla stessa strada. Ma come siamo giunti a questo punto?

Il problema è che l'acquirente è spesso ignorante ma vuole sentirsi edotto, per questo motivo desidera avere un parametro, si noti bene un parametro solo numerico e ben definito che definisca un oggetto che spesso è molto complesso, che gli faccia dire a è più grosso di B.

Qualche tempo fa avevano iniziato alcuni produttori delle memorie di massa a confondere il KByte con le migliaia di byte. Agli informatici aveva dato molto fastidio la gente aveva scelto di preferire le aziende che baravano. Prossimamente contate i nibble!

Nelle fotocamere digitali la bassa qualità dei sensori fa si che fin da subito non si parlasse di risoluzione reale ma interpolata. Oltretutto sarebbe stato difficoltoso spiegare che le risoluzioni dei tre colori primari fossero difformi per facilitare la potente interpolazione che ancora oggi permane in tutte le fotocamere vendute. Le tre fotocamere sul mercato, tra cui un'ottima sigma, che portavano come bandiera la risoluzione reale, all' incirca un terzo del interpolato, furono schifate dall'acquirente ignorante. Ovviamente nelle versioni successive delle stesse macchine si guardarono bene dal parlare di risoluzione reale. la gente aveva scelto di preferire le aziende che baravano.


Nelle automobili la fantascienza della coppia per le automobili a gasolio, e potenze spropositate per tutti: quattroruote provando la Panda dichiara che 90 cavalli sono pochi, ricordo che la Lotus elise ne possiede 120. Anche qui un parametro singolo: cavallo! Come freni un'automobile non interessa nessuno.
Giusto Domenica a monza una exige si e' bevuta sul misto una ferrari 430 e una porsche accreditata di 480CV. Chissa', l'intenzione, la necessita', e' di far correre anche la scatola del lucido della fiat in pista.




Adesso arriviamo ai televisori: visto che acquirente compra un numero più grosso contiamo qualcosa di diverso e chiamiamolo pixel. Prossimamente, visto che i pixel in queste macchine viene ottenuto in digitale potrebbero contare i Byte, il nostro televisore avrà 24 milioni di pixel o addirittura, in bit, 192 milioni di pixel. Anzi, visto che pannelli moderni sono fatti da più strati di LCD moltiplichiamo ancora per tre almeno!

Il televisore tafanazz 1miliardo di pixel lo comprano?